Stress ossidativo e conseguente cascata infiammatoria

Ipocalcemia al parto nella vacca da latte
Gennaio 3, 2024
La fase di transizione nella vacca da latte
Febbraio 26, 2024
Stress Ossidativo

Una combinazione da non sottovalutare e gestire

Redazionale pubblicato su Ex-Dairy Press 2023

I processi ossidativi sono alla base della vita, ed organismi ad elevata attività metabolica come la vacca da latte ad alta produzione sono esposti ad un rischio di stress ossidativo, soprattutto in certi momenti fisiologici o stagionali (come il momento del parto o le condizioni di stress termico o in occasione di mastiti o stati influenzali), che dobbiamo prevenire e gestire nella loro evoluzione disregolata, che porta alla condizione infiammatoria.

Come possiamo agire? La risposta viene ancora una volta dalla natura, che contiene in sé i rimedi più efficaci per riequilibrare condizioni non ottimali di tipo ossidativo e infiammatorio, sfruttando l’effetto di polifenoli e salicilati che, opportunamente selezionati e dosati, sono stati utilizzati per la formulazione di Normoterm.

Cosa riportano gli studi a riguardo dell’effetto dei polifenoli e dei salicilati?

Diversi studi sui fitocomposti naturali, come polifenoli e salicilati, hanno ormai ampiamente dimostrato la loro efficacia sul metabolismo animale, agendo come antiossidanti (e prevenendo di conseguenza danni alle cellule dovuti alla perossidazione lipidica della membrana cellulare) e attenuando stati di infiammazione.

Polifenoli

Uno delle fonti maggiori di polifenoli deriva dalla lignina ricavata dal Pinus taeda.

La LIGNINA è un pesante complesso polimerico costituito da unità fenilpropaniche. Ci sono tre monomeri presenti in rapporti diversi in tutte le lignine: alcol comiferilico, alcol cumarilico e l’alcol sinapilico.

L’unione di questi monomeri crea una classe di fenoli comunemente chiamati lignani, i quali nella pianta hanno una funzione di difesa dai patogeni (funghi, batteri e virus) e di protezione di tipo antiossidante delle parti sensibili della pianta (rami giovani, foglie, gemme frutti) dalle radiazioni solari.

I lignani, introdotti con la dieta nei mammiferi, vengono modificati dai batteri intestinali, vengono assorbiti e poi sono soggetti alla circolazione entero-portale.

Meccanismo d’azione

Un concentrato polifenolico, derivante da un processo di estrazione e parziale idrolisi della cellulosa dal legno di Pinus taeda, se assunto con la dieta degli animali è responsabile delle seguenti azioni:

1. Blocco radicali liberi
2. Azione antibatterica
3. Azione antivirale
4. Azione antimicotossine
5. Azione antidiarroica

Salicilati

L’acido salicilico, che è il composto attivo dell’aspirina, nella sua forma acetilata, è una sostanza che è stata estratta per la prima volta dalla corteccia del salice piangente.

Questa sostanza che viene prodotta dalle piante per proteggersi da attacchi chimici, fisici e biologici è un antiinfiammatorio utile in diverse situazioni febbrili come antipiretico o come leggero analgesico.

Meccanismo d’azione

1. Riduzione delle prostaglandine (PG) per blocco della ciclossigenasi
2. Effetto antiossidante dell’aptoglobina
3. Riduzione temperatura corporea per azione sui neuroni termoregolatori

Effetti zootecnici derivanti dall’uso di Normoterm Orac

Normoterm trova impiego in tutte quelle condizioni in cui si ravvisa la necessità di contrastare il rischio di una condizione di stress ossidativo e contestuale, conseguente deriva infiammatoria. Situazioni di questo tipo si ravvisano in corso di malattie infettive quali mastiti, metriti o cosiddetti stati influenzali o condizioni di potenziale grave stress ossidativo come nel periodo di post parto della vacca o nei periodi di stress termico estivo.

In questi ultimi casi, gli effetti positivi dell’impiego di polifenoli e salicilati contenuti in Normoterm non si limitano ad un miglioramento evidente dello stato di salute degli animali trattati, ma hanno un importante effetto positivo sulla fertilità, preservando l’integrità di oociti ed embrioni dalle conseguenze negative dei processi ossidativi ed infiammatori.

A riguardo, riportiamo qui di seguito un’interessante prova fatta utilizzando Normoterm nelle vacche fresche nei primi 30 giorni dopo il parto: seguendo il decorso zootecnico di questi animali, si è verificato che questi hanno dimostrato un significativo effetto positivo derivante dal trattamento con Normoterm, sia relativamente allo stato ossidativo (misurato come TAS) sia sanitario, oltre ad un evidente miglioramento delle performance riproduttive sia per il CR (Tasso di concepimento) sia per il PR (Tasso di gravidanza).

Prova Tecnozoo di utilizzo del prodotto Normoterm Orac*

DOVE: Azienda Agricola Agrifutura REAL KFT REAL KFT -TÁRNOK -HU. 600 vacche da latte di cui 500 in mungitura – 650 manze.
SCOPO: Verificare gli effetti della somministrazione di un prodotto contenente principi attivi ad azione antiossidante somministrato al parto e nei primi 30 giorni di lattazione in vacche di razza Frisona.
COME
• 300 gr/capo entro le prime 12 ore dopo il parto all’interno del drench.
• 50 gr/capo/giorno nei 30 giorni dopo il parto miscelato nel TMR.
QUANDO: Luglio – Novembre 2016.

Scopri la linea Normoterm

Per rimanere aggiornati su tutte le nostre novità seguici su Instagram o su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0