Perché il latte fa bene? 5 motivi per berlo

5 falsi miti sulle uova
5 FALSI MITI SULLE UOVA
Ottobre 9, 2020
#letsmakeatclear
#LetsMakEATClear – Chiarezza su alimentazione
Ottobre 13, 2020
Il latte fa bene

Perché il latte fa bene? 5 motivi per berlo

Il latte fa bene

Il latte fa bene

Nei prossimi anni la domanda di latte e derivati crescerà, soprattutto nei mercati in via di sviluppo, complici l’incremento dell’urbanizzazione e dei redditi. In altri Paesi, tuttavia, il consumo di prodotti lattiero caseari è in contrazione,  a causa della poca e ingannevole informazione sul consumo di latte. Tecnozoo, a supporto della propria campagna #letsmakEATclear, ha scelto di spiegarti perché il latte fa bene.

Il latte fa bene, come evitare quindi la diffusione di notizie false?

Per confutare i benefici del latte è semplice: basta scrivere un articolo più generico possibile, infarcendolo di titoli e sottotitoli poco trasparenti da siti web di dubbia provenienza e con impossibilità di verificare le informazioni che ci vengono fornite, incontrando quindi pubblici poco preparati digitalmente, talvolta raggiungendo anche il circuito della stampa internazionale.

Il latte fa bene, 5 motivi per integrarlo nell’alimentazione quotidiana

Il latte fa bene

1. Il latte si può bere sempre ed è fonte di vitamine, proteine e zuccheri. 

Il latte, lo si può bere in tantissimi momenti della giornata e indipendentemente dal proprio stato di salute e dall’età. Come riportato dal sito della clinica Humanitas di Rozzano (MI) nell’intervista alla dottoressa Monica Giuffré, nutrizionista della Chirurgia Bariatrica dell’ospedale: «Il latte è un alimento ricco di calcio e vitamina D, sostanze nutritive essenziali per la crescita e la salute delle ossa. Ancora, contiene proteine, zuccheri e grassi di origine animale. Il latte intero è quello più completo, ma chi vuole ridurre la parte grassa senza rinunciare ai benefici del latte può scegliere quello scremato o parzialmente scremato. La “scrematura”, infatti, elimina i grassi lasciando intatto l’apporto di proteine e zuccheri, come il lattosio, ma soprattutto calcio e vitamina D».  

2. Il latte è un aiuto alla lotta contro l’osteoporosi

Il latte fa bene per la lotta all’osteoporosi: le ossa infatti sono in grado di fissare il calcio con l’azione ormonale e pertanto l’assunzione di latte non può che migliorare questo processo.  Anche i derivati del latte sono fonte di calcio, a partire da yogurt e formaggi. E’ inoltre importante berlo costantemente, prestando attenzione agli alimenti abbinati.

3. Il latte è pastorizzato e controllato in tutti i Paesi del mondo

 

Il latte non è pericoloso per l’uomo, anzi è un alleato a supporto di tantissime patologie! C’è chi confonde la presenza di globuli bianchi e cellule epiteliali all’interno del latte con il pus e la flora batterica con comuni batteri ritenuti dannosi per l’uomo.Il latte è soggetto in ogni Paese del mondo alla pastorizzazione dello stesso ed è un alimento sicuro, controllato e ricco di sostanze nutritive che fanno bene all’uomo.

4. Oltre al latte c’è molto di più: Formaggi e derivati

Il latte fa bene

Non solo il latte fa bene: anche i suoi derivati sono ricchi di proprietà benefiche per il nostro corpo. Alcuni latticini contengono antiossidanti e l’incidenza del lattosio può variare molto da derivato a derivato. Sempre secondo l’istituto Humanitas, uno dei prodotti migliori per la salute è senza dubbio la mozzarella di bufala campana, non solo per le sue proprietà antiossidanti, ma anche per il ridotto contenuto di lattosio e sale. Oltre ai formaggi, ci sono tanti altri alimenti nella famiglia dei derivati del latte. I kefir di latte ad esempio, ricco di probiotici, ma anche di vitamine, in particolare quelle del gruppo B, come ad esempio la vitamina B9 o acido folico, e la vitamina K. Da non sottovalutare, poi, i minerali contenuti nel kefir: l’alimento è ricco di calcio, magnesio, potassio e fosforo.

5. Il latte è un alimento completo

Perché il latte fa bene ed è considerato un alimento completo? Perché le sue proteine, rappresentate dalla caseina (80%) e lattalbumina (20%), rappresentano un terzo del fabbisogno medio giornaliero di un individuo. Infine in esso sono anche presenti i carboidrati, sotto forma di lattosio, particolarmente importanti per lo sviluppo del tessuto nervoso nei primi mesi di vita. 

Scopri di più sulla campagna #letsmakEATclear su tecnozoo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0